Fotografia del 21 febbraio – perché non farò carriera

21 Feb

Qualche giorno fa ho visto l’eccezionale documentario di Paolo Virzì su Bobo Rondelli, “L’uomo che aveva picchiato la testa.”

Per me è stata una visione pedagogica e anche medica. Mi è servita tantissimo perché ha accelerato di colpo processi che già sedimentano da mesi nella mia testa.

Bobo Rondelli è un cantautore di Livorno bravo, bravissimo, unico. Ma non ha mai sfondato. Il documentario, di fatto, cerca di indagarne le ragioni all’interno del racconto biografico.

Mi sono riconosciuto più di una volta con il percorso di vita di Bobo pur avendo un milionesimo del suo talento e della sua vita avventurosa. Ma mi è bastato per capire.

Proprio il fatto che una persona con un talento di un milione più grande del mio non sia riuscito a sfondare e forse non abbia davvero voluto mi ha fatto capire che i limiti caratteriali sono decisivi per il (mancato) successo.

I miei limiti sono grandi. Troppo grandi. Così grandi da farmi pensare che arriverò a breve a una soglia, non molto alta, e non riuscirò ad andare oltre. Certe volte penso che sia già arrivato al picco, al massimo mi manterrò su questi livelli, curerò i dettagli. Anche perché quello che per gli altri è limite, per me è spesso un motivo di orgoglio.

Non farò carriera perché:

– mi rendo conto di avere dei limiti. Di solito quando uno si rende conto di una cosa del genere lavora per superarli, specie se li ritiene disadattivi. Però se ci penso, penso che in fondo io non li percepisco come limiti. Anzi, per me sono conquiste costruite negli anni in cui piano piano ho imparato ad ascoltarmi e a rispettarmi di più.

– Tra le mie conquiste ritengo ci possa essere la progressiva rinuncia alla diplomazia nelle relazioni. Sto imparando a non tenermi più niente. Ecco: per il mondo questo è un limite, un evidente limite relazionale. E probabilmente il mondo ha ragione a pensarla così. Io però mi sento meglio, sempre meglio, sempre più libero. Mi sento me stesso. E allora penso: perché dovrei cambiare? Nel frattempo il mondo gira nella direzione opposta.

– Ne discende che non riesco più ad accettare formule di compromesso, soprattutto per ciò che riguarda la mia vita professionale, i valori, ciò in cui credo. Ma senza compromesso il mondo è rabbioso, riottoso, confuso. Alla domanda: “Perché non fai politica?” rispondo parlando sempre di questo mio limite. Perché penso di non essere in grado di sedermi a un tavolo e accettare ciò che mi dicono tutte le volte. Altro motivo per cui non posso fare passi in avanti, al massimo posso solo curare l’estetica di ciò che ho già conquistato. Tra l’altro questa del non-compromesso è una doppia trappola, un altro motivo per cui sono destinato a rimanere bloccato, perché ostentare una cosa del genere vuol dire che al primo errore sei fottuto. Ed essendo umano, posso sbagliare. Anzi, sbaglierò di sicuro. Farò qualche scelta di comodo, per coccolare l’ego o perché guarderò la pagliuzza invece di guardare la trave. Perché non saprò valutare. A quel punto sarò doppiamente ipocrita agli occhi di chi mi guarda.

– A proposito di ipocrisia, non la sopporto più. Mi incazzo proprio. Non dovrei. Il mondo si regge sull’ipocrisia, che in molti casi è persino un valore. Senza i sorrisi di circostanza molte relazioni umane e professionali sarebbero già naufragate, con esiti disastrosi per la vita quotidiana delle persone, delle comunità, delle società. Però preferisco sparire che sorridere a chi non mi fa sorridere e soprattutto a chi non mi stima. Non voglio obbligare nessuno a essere ipocrita con me. E così mi isolo e rinuncio alle strette di mano, alle birre, alle pacche sulle spalle che magari mi farebbero andare avanti molto più di ciò che posso ottenere con il lavoro. Sia chiaro, grandissima stima a chi ha la faccia da culo: è giusto che loro vadano avanti nella vita e io no.

– Ho deciso di restare qui a Bari. E ci sto anche oggi che ha molto meno senso di tre, due, un anno fa. Vivo in una città che non sento più mia da tempo (con la certezza di essere ricambiato) ma alla fine penso che non potrei che stare qui. Voglio provare a far qualcosa, a generare un qualche processo di cambiamento, anche se credo sempre di meno di essere all’altezza. Mi basta un computer e una connessione a Internet, poi posso stare qua per tutta la vita. Però la vita vera non è qui, è a Roma, a Milano, all’estero. Sono un ragazzotto di provincia. E mi piace tantissimo.

– Mi piace prendere posizione su ciò che mi accade, su ciò che vedo, su ciò che sento. Non mi tiro indietro. Su Facebook e su Twitter lo hanno capito e spesso mi coinvolgono. Potrò imparare mille tecniche per non espormi, ma i social media sono implacabili: c’è il mio nome e il mio cognome. Se si parla di politica, di economia, di creatività, delle cose che faccio di mestiere e si fa tutti i giorni fatalmente si scriverà qualcosa che fa incazzare qualcuno, che porta a disistimarti, o semplicemente a non voler lavorare con te. Anche se sei bravo, anche se te lo dovessi meritare. Tecnicamente, sali sul cazzo a tutti, invece di farti apprezzare da tutti per il coraggio.

– e soprattutto, non farò carriera perché scrivo post del genere.

p.s. non ho scritto per farmi dire “No Dino, non è così, tu sei bravo, ci riuscirai”. Anche perché non c’è alcuna parola che possa convincermi del contrario. Sto bene così, non ho bisogno di conforto.

 

 

8 Risposte a “Fotografia del 21 febbraio – perché non farò carriera”

  1. Fabio 21 febbraio 2012 a 21:27 #

    Coraggio ;o) Pensa che la politica è un hobby, mentre tu ci lavori.

  2. De Mattia Pietro 21 febbraio 2012 a 21:29 #

    apprezzo le tue idee… almeno sei una persona libera di pensare e di dire quello che vuoi e puoi, soprattutto, mandare a fare in culo ipocriti e leccaculi.. ce ne fossero come te!

  3. Massimo 21 febbraio 2012 a 21:45 #

    Caro Dino, ma e’ proprio per questo suo modi essere, che uno continua a leggerla dopo averla incontrata per caso sul web ( nel mio caso sul blog de “Il fatto”!

  4. Sinigagl 21 febbraio 2012 a 23:45 #

    Sì, beh, sostanzialmente abbiamo lo stesso problema Dino.
    Tu a Bari e io a Como. #siamoindue

  5. pasquale 22 febbraio 2012 a 00:28 #

    che belle cose hai scritto!
    qualche tempo fa facevo le stesse riflessioni, nella mia professione ho fatto le tue stesse scelte e mi sono -da subito- trovato a navigare in acque limacciose. spesso mi chiedo “chi ha ragione”.
    faccio bene a rifiutare di esercitare l’adulazione sistematica, ormai imperante, o dovrei tener conto di: figli, cani, fitti, vacanze, studi, ecc. tutto insomma il composito mondo dei miei conti mensili e pensare a pagarle e a far avanzare anche qualcosa di più da dare ai miei figli e a mia moglie invece che fare i salti mortali senza mai, dico mai, potermi/poterci concedere nulla di più che l’ordinario …
    è dura la vita e nn sempre si riesce ad evitare il contatto a rinchiudersi in una sfera inattaccabile di privatezza
    cerchiamo, ognuno a suo modo, con i suoi mezzi, di cambiare il mondo, quel pezzettino di mondo che ci circonda.

    grazie per le cose che hai scritto sono molto belle

  6. Glory11 22 febbraio 2012 a 13:26 #

    Sante parole Dino!
    Baci

Trackbacks/Pingbacks

  1. Google Alert – FOTOGRAFIA NEWS – Easy News Press Agency | Easy News Press Agency - 23 febbraio 2012

    […] Fotografia del 21 febbraio – perché non farò carriera « Testi pensantiFotografia del 21 febbraio – perché non farò carriera. 21 feb. Qualche giorno fa ho visto l'eccezionale documentario di Paolo Virzì su Bobo Rondelli, “L'uomo …dinoamenduni.com/…/fotografia-del-21-febbraio-perche-non-… […]

  2. I blog degli altri, parte IV « La ninfa dell'aurora - 23 febbraio 2012

    […] trovato questo pezzo del blogger, giornalista, spin doctor (e chi più ne ha più ne metta) barese Dino Amenduni, che […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: