Archivio | novembre, 2015

Nel tennis sei solo

30 Nov

A mio avviso il tennis è uno degli sport mentalmente più duri, perché sei sempre solo. Sei molto solo in campo, non hai nessuno da criticare o a cui chiedere aiuto, sei tutto solo e se ti capita di avere una giornata storta, hai una giornata storta e la devi affrontare. Negli sport di squadra se hai una giornata storta, la tua squadra può comunque vincere, puoi lasciar perdere o sostenere il tuo compagno, lui fa goal e tutto va bene, la tua squadra vince e tu mantieni la fiducia vincente. Nel tennis sei solo. È questa la cosa più sfiancante.

(Ernests Gulbis)

Annunci

Come fa l’acqua

29 Nov

L’acqua non oppone resistenza. L’acqua scorre. Quando immergi una mano nell’acqua senti solo una carezza. L’acqua non è un muro, non può fermarti. Va dove vuole andare e niente le si può opporre. L’acqua è paziente. L’acqua che gocciola consuma una pietra. Ricordatelo, bambina mia. Ricordati che per metà tu sarai acqua. Se non puoi superare un ostacolo,  giragli intorno. Come fa l’acqua.

(Margaret Atwood)

Alla prossima

26 Nov

Non rimpiango niente perché il rimpianto è la cosa più insensata e inutile che esista. Al bivio fai una scelta, tiri una linea, percorri una strada al posto di un’altra. È chiaro che ogni decisione corrisponde a una rinuncia, ma la vita è fatta così. Sono comunque più le persone che ho abbandonato volontariamente di quelle che ho perso. Il mio motto è ‘alla prossima’. Prima o poi, ne sono certa, ci si incontrerà nuovamente.

(Sandra Milo)

A volte devi scegliere

25 Nov

In politica a volte devi scegliere tra il male e il peggio.

(Stavros Theodorakis)

Il fardello degli errori altrui

24 Nov

La vita è troppo breve perché ci si possa caricare sulle spalle anche il fardello degli errori altrui. Ciascuno vive la propria vita e ne paga il prezzo.

(Oscar Wilde)

Due strade trovai nel bosco

23 Nov

Due strade trovai nel bosco e io scelsi quella meno battuta…

(Robert Frost)

Vi sono secoli

22 Nov

Vi sono secoli in cui l’opinione pubblica è la più malvagia delle opinioni.

(Nicholas de Chamfort)