Archivio | letteratura RSS feed for this section

Un piacere primordiale nel silenzio

6 Lug

Non c’è parola più certa di un’altra.
S’impara a tacere con gli anni,
anche se sembra che parliamo.
Si nasce senza parole
e con tutte le parole distrutte ce ne andiamo.
E tuttavia,
nonostante vivere significhi ammutolire,
esiste un piacere primordiale nel silenzio,
che giustifica tutti i silenzi.

(Roberto Juarroz)

Sono l’uomo più felice del mondo

24 Feb

Non ho risorse, né soldi, né speranze. Sono l’uomo più felice del mondo.

(Henry Miller)

Ma il suo frutto

10 Gen

La pazienza è amara, ma il suo frutto è dolce.

(Jean-Jacques Rousseau)

Tutte le decisioni definitive

23 Ott

Tutte le decisioni definitive sono prese in uno stato d’animo che non è destinato a durare.

(Marcel Proust)

Capirai

4 Ott

Capirai quando avrai dimenticato quello che capivi prima.

(Italo Calvino)

Troppo in fretta

8 Set

Non importa con quanto scrupolo seguirai le indicazioni: avrai sempre l’impressione di aver perso qualcosa, la sensazione sprofondata sotto la tua pelle di non aver vissuto tutto. C’è quel sentimento di caduta nel cuore, per essere andato troppo in fretta nei momenti in cui avresti dovuto fare attenzione. Be’, abituati a quella sensazione. È così che un giorno sentirai tutta la tua vita.

(Chuck Palahniuk)

Bisogna umiliarsi e servire

31 Ago

Cara Fern, la solitudine che Lei sente, si cura in un solo modo, andando verso la gente e «donando» invece di «ricevere». (È la solita sacrosanta predica). Non che io aneli di essere quello a cui Lei dovrebbe donare – tanto più che i doni che Lei potrebbe farmi non sarebbero ancora la soluzione ma aumenterebbero il pasticcio. Si tratta di un problema morale prima che sociale e Lei deve imparare a lavorare, a esistere, non solo per sé ma anche per qualche altro, per gli altri.
Fin che uno dice «sono solo», sono «estraneo e sconosciuto», «sento il gelo», starà sempre peggio. È solo chi vuole esserlo, se ne ricordi bene. Per vivere una vita piena e ricca bisogna andare verso gli altri, bisogna umiliarsi e servire. E questo è tutto.

(Cesare Pavese a Fernanda Pivano)