Tag Archives: la roux

POP – migliora giorno dopo giorno

5 Gen

La Roux – in for the kill (Vevo Go Shows @ Times Square)

Full stops and exclamation marks
My words stumble before I start

 

 

Annunci

POP – Le 10 del 10

31 Dic

10. Malika Ayane – mille


9. Vampire Weekend – holiday


8. Fabri Fibra – vip in trip


7. Jamie Woon – night air

 

6. Caribou – Odessa

 

5. Skream feat. La Roux – finally


4. Boyz Noise – yeah


3. Ellie Goulding – your song

 

2. Magnetic Man –

Perfect Stranger (live at Maida Vale)


1. Laura Marling – (no) hope in air


POP – Elly!

23 Dic

Skream featuring La Roux – Finally

le trappole pop della perfida Albione: stagione 2009-2010

15 Mar

Elly

sta a

Ellie

come

Florence

sta a

Marina

la cinquina di Duni – La Roux: la nascita di una superstar a prova di proiettile

25 Ago

La Roux – Bulletproof (Radio Edit)

Di La Roux vi ho parlato spesso e molto volentieri. Forse sarà il caso di smetterla, anche perché fra un po’ sentirete tutti gli altri che ne parleranno, pronti a paragoni con Madonna, con i primi Depeche Mode. Seguiranno i tabloid inglesi che la fotograferanno ovunque, anche nel bagno di casa sua, che si chiederanno se a Elly Jackson piacciono gli uomini o le donne, se quel ciuffo rosso è suo o è finto e, se è suo, da quale distinto parrucchiere di Brixton va a farsi acconciare in quella maniera. Ma prima di smetterla vorrei concedermi il lusso di una provocazione, ovvero di far girare un’intera cinquina attorno alla stessa canzone, Bulletproof, primo posto in Inghilterra nella settimana di lancio, terzo singolo dall’omonimo album che aveva già portato alla vendita di 450000 copie di “In for the kill”, successo che ora inizia a farsi strada in Italia. Fra un po’ arriverà anche questa trappola mortale a prova di proiettile, e di La Roux sentirete parlare, fin troppo.

La Roux – Bulletproof (BBC Radio 1 Live Lounge)

La 21enne Elly Jackson aveva già allarmato i critici musicali d’Oltremanica i quali, furbi o forse imbeccati dai soliti ben informati delle case discografiche, avevano lanciato il fenomeno La Roux come caso dell’anno, prima ancora che fosse pubblicato il primo singolo del duo (sì, La Roux è accompagnata da un produttore, Ben Langmaid, che difficilmente sarà al centro della scena nei prossimi mesi). La sua ascesa è stata scontata quanto facile: un timbro vocale assolutamente unico (da amare o da odiare, senza mezze misure); sonorità facilissime e cariche di citazionismo; abbigliamento e mise androgina, pop, folle, radical chic, tutto insieme. Con una ciliegina di capelli rossi su un ciuffo sbilenco, a volte orizzontale, altre verticale: di sicuro diventerà oggetto di miti e leggende, tra cui l’ipotesi che la chioma sia stata già assicurata. Dopo la versione di studio, iniziamo l’excursus delle versioni alternative. In questa, registrata nel Live Lounge di BBC Radio 1, un “Deejay Chiama Italia” d’Inghilterra decisamente più influente, La Roux ansima. Dopo il falsetto urlato e stridulo della radio edit, la confusione cresce.

La Roux – Bulletproof (Foamo dubstep remix)

Se in Inghilterra non hai un remix dubstep della tua canzone, non sei nessuno. E La Roux, questo, l’aveva già capito ai tempi di “In for The Kill”, il singolo che l’ha resa famosa nella sua nazione, remissato magistralmente da Skream, uno dei padri putativi di questo genere meticcio un po’ dub, un po’ trip-hop, sicuramente in voga in quest’ultimo anno e mezzo. E così il singolo a prova di proiettile diventa un remix a prova di basso, dato che i brani dubstep sembrano essere fatti apposta per mettere in crisi gli impianti stereo delle nostre camerette. Foamo è coetaneo di La Roux ed ha già remixato i Franz Ferdinand ed Armand Van Helden. Vuoi vedere che nell’incensare una stella ne abbiamo pescata un’altra?

La Roux – Bulletproof (Dj Zinc remix)

Non ci sono solo remix di giovani emergenti, seppur bravissimi, a supporto della Rossa. Anche Dj Zinc, 15 anni di carriera tra basi drum’n’bass e breakbeat (e oramai 5 anni di assenza pressoché totale dalle scene) si è messo a disposizione della chioma rossa più popolare degli ultimi anni. Questo è un remix più tradizionale, ballabile, tutto sommato commerciale. Insomma, evitare questo proiettile della scena pop contemporanea diventa sempre più difficile. Del futuro di Dj Zinc, invece, non si sa nulla, fatta eccezione per questo remix. Ma se aveva voglia di rilancio, ha scelto il cavallo buono.

La Roux – Bulletproof (acoustic Live @ DTF Sessions)

E per chiudere, torniamo al talento controverso, discutibile, ma assolutamente magnetico di Elly. In queste Down the Front Sessions (da cui avevo già segnalato “I’m not your toy” nella cinquina di settimana scorsa: http://www.barilive.it/news/news.aspx?idnews=14409) La Roux dimostra di saper cantare (sul come, credo che sarà necessario un dibattito a parte), e soprattutto di saper imbracciare un basso e trasformare un capolavoro della pre-produzione e dell’elettronica in un ottimo pezzo strumentale. Attendendo di osservarne le gesta dal vivo in Italia (non sono previsti live per quest’autunno), i primi fissati possono puntare le date del 25 e del 26 novembre a Londra, allo Shepherd’s Bush Empire. Tra i fissati c’è anche chi vi scrive: chissà che non ne venga fuori un reportage…

top five – arruffoni a Ruffano

20 Ago

Alessandra Amoroso – Stupida (Emiliano Pepe remix, featuring La Pina)

E’ ovunque. Nei manifesti sotto i piloni dei ponti nelle superstrade e in quelli nelle stradine di provincia tutte uguali ; è vicino al mare ed in campagna; sull’Adriatico e sullo Ionio; in Provincia di Lecce e in quella di Brindisi. E’ da sola o in compagnia dei dj di fama internazionale e dei musicisti reggae che con frequenza sempre maggiore invadono il Salento nelle settimane di metà agosto. Per me Alessandra Amoroso era solo “quella che ha vinto Amici quest’anno”, e a malapena sapevo fosse pugliese. Poi ho ascoltato questo brano in radio, in un remix che salva un brano dall’anonimato (un anonimato da 180mila copie vendute, sia ben chiaro) caricandolo di una componente r’n’b e drammatica e impreziosito dal cameo de la Pina, voce di punta di Radio Deejay mai abbastanza rimpianta come rapper. E ho capito (almeno in parte) la venerazione per la cantante di Galatina che ha compiuto 23 anni pochi giorni fa.

Camille – Cats and dogs (live)

E’ il momento delle voci femminili. Tra superstar di primo pelo, giovani speranze figlie dei talent show e vecchie glorie che ritornano, ne stiamo sentendo di tutti i colori, sia di pelle che vocali. E dato che ci abboffiamo (con piacere) di grandi interpreti, perché non spendere qualche parola per una strepitosa musicista francese? Prima voce della Nouvelle Vague (band ancora attiva: la loro ragione sociale consta nel prendere pezzi rock e punk del passato e trasformarli in piccole perle di bossanova), lei ha il merito, sempre più raro, di fare tutto da sola: scrive testi e musiche, dispone di almeno 8 timbri vocali diversi (3 o 4 li potete già beccare in questo live). Il suo talento non è ancora noto al grande pubblico. Noi aspettiamo il giusto riconoscimento e nel frattempo ci becchiamo Noemi, Giusy, Susan ed Alessandra.

La Roux – I’m not your toy (live)

Se per Camille il talento è inesploso, qui la situazione è ben diversa. Tenete a mente questo nome, perché sono pronto a scommettere ingenti somme sul potenziale anche commerciale di questo duo di Brixton, il quartiere più pericoloso ed affascinante di Londra. Una volta abituatisi al falsetto di Elly Jackson, (nata l’8 marzo dell’88: una data che è un altro indizio sulle prospettive di icona femminile della Rossa) è fatta: lo starnazzare di La Roux causa dipendenza. Le basi sono ipnotiche; l’efficacia dal vivo, vera incognita di una formazione composta da una duo che si poggia proprio su quel falsetto incomprensibile e sulle tastierine ruffiane di Ben Langmaid (sempre in disparte durante i live) è testimoniata da questa piccola perla realizzata dai ragazzi di Down the Front. Settimana prossima si parlerà più diffusamente della più luminosa stella che l’Inghilterra ha saputo produrre dai tempi della prima (e anche della seconda, non facciamo gli spocchiosi) Amy Winehouse.

Moltheni – che il destino possa riunire ciò che il mare ha separato

Un titolo così altisonante e romantico mette l’ascoltatore nelle condizioni di aspettarsi una poesia e non una semplice canzone. E così è, in effetti. Ma qui le parole non ci sono. Moltheni, cantante “alternativo” apprezzato già da anni dalla nicchia degli appassionati di musica italiana ben distante da quella di Laura Pausini, si diletta una suite strumentale contenuta nel suo ultimo album di studio, “I segreti del corallo”. Pur essendo strumentale e pur non ponendo l’ascoltatore nelle condizioni di poter immaginare con precisione le emozioni che il cantante marchigiano ha voluto comunicare, possiamo tranquillamente affermare che il titolo altisonante è perfetto, anche per un brano senza parole.

Malika Ayane – controvento

Cercando il link del video di “Controvento”, ultimo singolo dell’italo-marocchina Malika Ayane, mi sono imbattuto in una serie interminabile di sue imitazioni architettate dalla Gialappa’s (in questo video Malika arriva addirittura a prendersi in giro da sola: http://www.youtube.com/watch?v=UsqfRIwLGQA). Questo vuol dire che Caterina Caselli ci ha preso ancora una volta e che la Nostra è oggettivamente facile da imitare. Dopo la performance di Sanremo, fatta di inopinati movimenti delle mani, di abiti che hanno fatto discutere e soprattutto di uno stile canoro che definirei padano-vanoniano per l’uso atipico delle vocali, ecco a voi il quarto singolo tratto dal bellissimo album d’esordio, in un brano scritto da Pacifico in cui il “veehnto” non può esimersi dall’essere anch’esso padano-vanoniano.

l’EP del ballottaggio

3 Lug

1. La Roux – bulletproof

2. Florence and the Machine – rabbit heart (raise it up)

3. David Guetta feat. Kelly Rowland – when love takes over

4. Alborosie – Jah jah crown

5. Little boots – new in town

Oggi masterizzo il cd con la quindicina e lo porto ad EmiLab, chi vorrà lo masterizzerà al volo :)