Tag Archives: governo

Il prossimo ventennio

6 Mar

No, non dite di essere scoraggiati, di non volerne più sapere. Pensate che tutto è successo perché non ne avete più voluto sapere.

(Giacomo Ulivi, partigiano assassinato nella Piazza Grande di Modena il 10 novembre 1944)

Buon senso #2

25 Nov

Per essere veramente un grand’uomo, bisogna saper resistere anche al buon senso.

 

(Fëdor Dostoevskij)

Salvezza nazionale

11 Nov

Non si perde granché quando brucia la casa del padrone. Ne verrà sempre un altro.

 

(Louis Ferdinand Céline)

Cade/non cade

8 Nov

Gli uomini credono volentieri che ciò che desiderano sia vero.

 

(Giulio Cesare)

L’accordo

25 Ott

Gli uomini hanno una pietra di paragone per vagliare l’oro, ma l’oro è la pietra di paragone con cui vagliare gli uomini.

 

(Thomas Fuller)

Qualche perplessità sulla crisi finanziaria

21 Ott

Io ero in bancarotta, il governo era in bancarotta, il mondo era in bancarotta. Ma chi cazzo li aveva, i fottuti soldi?

 

(Charles Bukowski)

Bersani, the best ever

15 Ott

Il Governo ha fatto due viceministri in due nanosecondi più tre sottosegretari. Se gli fossero serviti 15 voti, gli toccava chiamare l’Ikea per un po’ di sedie.

 

(Pier Luigi Bersani)

Lei potente, io niente

13 Ott

Cristiano Malgioglio – Caro Berlusconi

Caro Berlusconi, vorrei una soluzione
che sia quella iniziale, che mi dia una svolta

Caro Berlusconi, se solo mi notasse
sarei il più bel volto internazionale.

Lei potente, io niente
eroe di mamma mia solamente

Quando al governo c’era Prodi

12 Ott

Le dimissioni si danno quando si verifica una crisi reale e profonda.

(Silvio Berlusconi, 2 febbraio 2007)

Il Governo, alle cinque della sera

12 Ott

Alle cinque della sera.
Eran le cinque in punto della sera.
Un bambino portò il lenzuolo bianco
alle cinque della sera.
Una sporta di calce già pronta
alle cinque della sera.
Il resto era morte e solo morte
alle cinque della sera.

Il vento portò via i cotoni
alle cinque della sera.
E l’ossido seminò cristallo e nichel
alle cinque della sera.
Già combatton la colomba e il leopardo
alle cinque della sera.
E una coscia con un corno desolato
alle cinque della sera.
Cominciarono i suoni di bordone
alle cinque della sera.
Le campane d’arsenico e il fumo
alle cinque della sera.
Negli angoli gruppi di silenzio
alle cinque della sera.
Solo il toro ha il cuore in alto!
alle cinque della sera.
Quando venne il sudore di neve
alle cinque della sera,
quando l’arena si coperse di iodio
alle cinque della sera,
la morte pose le uova nella ferita
alle cinque della sera.
Alle cinque della sera.
Alle cinque in punto della sera.

Una bara con ruote è il letto
alle cinque della sera.
Ossa e flauti suonano nelle sue orecchie
alle cinque della sera.
Il toro già mugghiava dalla fronte
alle cinque della sera.
La stanza s’iridava d’agonia
alle cinque della sera.
Da lontano già viene la cancrena
alle cinque della sera.
Tromba di giglio per i verdi inguini
alle cinque della sera.
Le ferite bruciavan come soli
alle cinque della sera.
E la folla rompeva le finestre
alle cinque della sera.
Alle cinque della sera.
Ah, che terribili cinque della sera!
Eran le cinque a tutti gli orologi!
Eran le cinque in ombra della sera!

 

(Federico Garcia Lorca)